L'UNICA OCCASIONE

by Valeria Piccini


Lui è quello che ti sogni la notte.
E ti svegli e sei stata anche bene.
Riccioli neri, profumo di estate anche a gennaio, sorriso di chi sa che lo può fare.
E sceglie me.
Sceglie proprio di uscire con me.
Penso di dover dare il massimo in quella serata, potrebbe essere l’unica.
Estetista ovviamente, parrucchiere per forza, completino intimo nuovo.
Metto i tacchi, mi pare il minimo.
Lo vedo fuori dal portone che mi aspetta, vado fiera verso di lui tipo Pretty Woman quando va incontro a Richard Gere per andare all’Opera, inciampo sullo zerbino, cado. E con me cadono l’acconciatura e le illusioni.
Poteva essere l’unica serata. Lo sarà.
Fine.

LA SUA FAMIGLIA

LA SUA FAMIGLIA

30/11/-0001 | by
UFFICIO POSTALE

UFFICIO POSTALE

30/04/2017 | by Francesco Pispico
LA SPESA

LA SPESA

28/04/2017 | by Michela Gallo

© Brevi Storie Tristi 2016 - Edited by Elenchi Telefonici - Privacy Policy